siete merde

siete veramente delle merde voi tutti genuflessi in adorazione dell’editoriale di avvenire -giornali giornalisti opinionisti -dandini addirittura se lo spara sul leggío fra moine di circostanza da menaje-; roba che per sentire un -da che pulpito- ci s’è dovuti attaccare a brunetta! -siete luridi -e poi osate protestare contro l’ingerenza della chiesa se invece de’ nemici se la prende co’ sodali vostri -siete schifosi nel vostro opportunismo d’accatto che vi rende peggiori di qualunque nequizia, uguali in tutto e per tutto al popolino che cercate di blandire: merde piú merde e il risultato è ovvio: supermerda sventola sondaggi da uomo di classe, classe riconosciutagli dalla feccia -pieve che siete: un paese di finti, buffaroli, ignoranti fino all’analfabetismo, bori da coltello -tatuati, co‘ i ferri in faccia -gente che gira co‘ le mutande fuori dai calzoni e tifa, che se per una qualche ragione smettessero di produrre ridicoli cappellini con visiera e improbabili occhiali da sole suiciderebbe in blocco -mascheroni perenni schiavi stupidi della moda televisiva, arroganti, capziosi, piccini, straccioni nell’animo: ecco la vostra classe