il nuovo tg3 notte è cosí brutto e malfatto da far pensare a un allestimento occulto di fíntivest: a cominciare dallo studio che sembra vecchio di quarant’anni -ma lí verrà sicuramente un qualche designer a dire che l’effetto vintage è voluto- per passare súbito alla sostanza: il conduttore girovaga con aria sciolta -e finché è di bèlla passi pure, ma se incocci in mannoni l’effetto ridicolo è immediato- e cede via via la parola a giornaliste/i che non sanno parlare né leggere: inciampi balbettíi titoli di giornali storpiati; poi l’assurdo di metterne una/o che semilussandosi un braccio deve toccare lo schermo per mettere in primo piano -fino a due giorni fa- una foto, da ieri anche qualche immagine in movimento; l’immediatezza, l’efficienza dello start dalla regia deve esser parso astruso ai progettisti -e sempre tutto parlato, parlato… -sembrano le riprese di un radiogiornale; con i soldi e le tecnologie a loro disposizione potevano tirar fuori doppi schermi dissolvenze grafiche -tutto vòlto a far compenetrare lo spettatore -non già effetti fine a sé stessi- che invece è costretto a sorbirsi faccíne sparúte e lessico approssimativo; ultimo ma non minore: la compressione del tgr che deve sbrigarsela in quattro minuti netti contro i dieci abituali, con immaginabile vantaggio per la completezza d’informazione vieppiú considerando che l’edizione delle ventitré risulta soppressa;
-insomma in una parola: capolavoro
aggiornamento 13/12: a quanto pare l’edizione delle ventitré risulta spostata alle 22:45; ier sera in effetti verso quell’ora c’era; non essendo in grado di stabilire al momento se trattasi di ripristino o semplice svista dello scrivente, comunque se ne registra la gradita presenza e il resto si vedrà...
26/6/09: hanno cambiato, forse hanno letto oppure ci son arrivati da soli: la semilussazione tentata non la fanno piú
1/10/09: i cambi d'orario erano estivi; la semilussazione è stata riadottata; la schifosa inguardabile berlinguera n'è fatta direttrice: il cerchio si chiude