ladri che muoiono

-chi non ha mai rubato niente in vita sua?!...-; questa domanda rettorica è di un amico di abba, visto e sentita in un tg: non mi tiro fuori, da ragazzini fregare nei supermarket era un must, una sorta di iniziazione -manco dovessimo fidanzarci tutti con corina tsopei- e un affermare: -sono piú furbo di te!…; il rischio però l’avevamo tutti chiaro: il negoziante chiamava la polizia, il tappista della benzina ti poteva menare se era grosso, e via via si saliva di rischio fino all’idea che beccando il fijo de na mignotta quello vero potevi anche mori’ -ché una coltellata te la poteva pure tirare…; da non mai beccati tutto è rimasto mera teoria, ma se fosse accaduto qualcosa di brutto o se in fuga ci fossimo spiaccicati eravamo pronti a prendercela solo con noi stessi: consci della cazzata fatta e del -ah!, se non l’avessi fatta!...; né gli amici avrebbero messo a ferro e fuoco (va be’, palèrme...)
casomai si faceva per motivi politici; cose cosí no, in casi simili si era stronzi due volte: perché beccati e perché uccisi