prima si accapigliano per andare sul tappeto rosso -il red ‘tàcci carpet- di suor gigia róndi, poi si lamentano della censura: bravi squinzi