caso

il boro accompagna l’amico in libreria e mentre quegli va dritto al suo scopo lui passeggia fra gli scaffali, sguardo in tralice e bocca a salvadanaio, un po’ spaesato mentre affiora il suo consueto senso d’inadeguatezza; si ferma su una copertina, -legge: madàme, bovàri; flobbért: questo ‘o conosco, ha ‘nventato pure ‘l fucile a piumini che ce sparavo a ‘e lucertole...

turista

-beh…, -o qui fanno i marciapiedi morbidi oppure ho pestato una merda...

prodótto

-provàte siòr’ e siòri, -provàte!…: -il nostro nuovo prodótto germizzànte igienicída!...

passato

perché?! -perché mi dici sempre che vivo nel passato?!...

-basta!, -adesso prendo la mia ford t e me ne vado!...

pilates

ruba'

va a ruba’ corda in casa del ladro impiccato...