per la serie -non scherzateci su, potrei picchiare- facciamoci due risate alla faccia de quer mummione de gino paoli: che straccione: annasse a imberta’ ‘n svizzera pe’ du’ mijoni che pezzente: madonna veronica louise ciccone puttana li spende pe’ ‘na parrucchierata -justin bieber ce se fa ‘n tatuaggio -va be’ quello ch’è stronzo e se tatua, me pe’ di’ ‘nsomma: berlusconi li spende pe’ fa’ ‘na festa ‘na sera, un politico di medio livello li pija in du’ mesi de tangenti... -i vecchi so’ cosí s’è detto perdono il lume della ragione questo beccato minaccia straparla s’agita… -quanto a ‘mbertasse in svizzera fossero du-trecento mijoni, tre-quattro mijardi allora sí vale la pena e va bene purché non siano de’ que’ merdosi che poi chiedan l’esenzioni pe’ l’asilo de’ figli le asl et similia -chi te se ‘ncula stato ladro strozzino assassino però sul serio non vai a succhia’ vantaggi poi ché sei il piú schifoso di tutti…

terzo pianeta generazione zero

alla domanda -chi conosce peter pan?- tutt’alzano la man: atto d’uniformità -chi ha veduto carton animato chi ha visto il tal film o si “ricorda qualcosa”, ma de’ barrie ’n verità la metà della metà sa -con immenso detrimento del piacere impiacentito che lettura di sí capolavoro dà... -completo perfetto delicato e c’è violenza e sangue e morte... -le risposte secche di peter sono magiche, (-se da ragazzino in teatro peter pan, maturo sei condannato a calibano…) e non ce ne voglia sir james se prendiamo assai piú sul serio i no e i mugugni dell’eterno ragazzo che non il grido -vivere può essere una grande avventura-: -traspare, sir, l’onesta inclinazione…- -e flaiano: quando non si è piú ragazzi si è già morti- ...peter pan co’ su’ retaggi di giovin dio greco (per altro personificazione -nelle fattezze dategli da sir george frampton- del gran dio del gran culo de‘ culi che sovrintende a‘ jackpot e vincite a milioni…) -fanciullo che’ vecchi proprio non vedono -specchio dorian irraggiungibile beffardo mostra colui che genitor presenti non ha: -la prima generazione che sperimenta l’ascendenti immortali -due corpi non possono occupare lo stesso spazio -color i quali t’han generato ch’eran stati generati da chi -sepolto- ha conferito pienezza di lor vita e’ beni e risorse -ricevuti all’età nostra -co’ noi ‘l meccanismo s’inceppa -fossimo almen basciati dal gran dio del gran culo de’ culi oh! chi rinfaccerebbe nulla… -per lustri e lustri: -que’ beni ‘un si toccano per carità son la vostra eredità! -e’ ritrasmetton a sé stessi… -occupano il tuo orizzonte da quando sei nato -hanno avuto una vita senza di te, tu non hai avuto una vita senza di loro -e la gente come me all’età mia muore… -la prospettiva dell’orizzonte libero alla stessa quota dello sbarco degli alieni -è impossibile evitare, poi: -ma che sarà ave’ st’orizzonte libero!... -tra karamazov e i pugni in tasca -barbablú: -il buon senso non vi grida all’orecchio che dovreste esser morta?...- -solo che la natura facesse il suo corso… -aspettativa media di vita ottandadu’anni, doppiato ‘l capo si sentono onnipotenti, inattaccabili -i poeti descrivono come sono i vecchi: ipocondria, egoismo smisurato, qualsiasi cosa pur di mantenerli ‘n vita, tutte le risorse van consumate, senza limiti...

peter_pan_statua_kensington_come_giovin_dio_greco

sorgente